Back to top
peter stiller case study

Guided DolorClast® Therapy per l'artrite poliarticolare delle mani

In questo nuovo caso di studio di Peter Stiller, potete vedere come la combinazione del DolorClast® High Power Laser e del DolorClast® Radial Shock Waves possa migliorare drasticamente le condizioni di un paziente affetto da artrite poliarticolare di entrambe le mani.

Scegliete la combinazione di trattamento sicura, rapida ed efficiente:
DolorClast® Radial Shock Waves & DolorClast® High Power Laser

In questo caso specifico, il medico ed esperto di onde d'urto Peter Stiller (Augsburg, Germania) presenta una paziente affetta da artrite poliarticolare su entrambe le mani.

Peter Stiller è un esperto di terapia ad onde d'urto, ne ha fatto ampio uso negli ultimi anni e ha tenuto diverse conferenze sulla terapia ad onde d'urto per la Swiss DolorClast® Academy. Per questi motivi è stato scelto per far parte del gruppo di specialisti coinvolti nelle prove della Guided DolorClast® Therapy.

Attenzione, l'artrite poliarticolare delle mani non è un'indicazione approvata del DolorClast® Radial Shock Waves (approvato solo per l'osteoartrite del ginocchio) ed è stata curata da Peter Stiller sotto la sua responsabilità.

Il caso di studio discusso in questo post è apparso nella rete tedesca di medicina dello sport "Sportärztezeitung" e evidenzia un uso efficace della combinazione di diverse terapie strumentali all'interno di una procedura di trattamento approfondita.
(Link).
Questo post esamina l'approccio terapeutico che combina la terapia laser ad alta potenza con la terapia ad onde d'urto, come raccomandato dalla Guided DolorClast® Therapy.

Immagine
Sportärztezeitung logo

Il materiale per questo post è stato fornito dal Sportärztezeitung.
Clicca qui per maggiori informazioni.

Immagine
gdt compass en

 

 

La Guided DolorClast® Therapy trasforma l'esperienza dei pazienti

La Guided DolorClast® Therapy è il nuovo concetto di terapia olistica di EMS: un approccio terapeutico in 6 fasi che combina la terapia laser, la terapia con onde d'urto e la riabilitazione e che permetterà ai vostri pazienti di dire addio al dolore e ciao alla libertà.

Concentrarsi sul paziente

Come raccomandato nella prima fase della Guided DolorClast® Therapy, valutare e coinvolgere, è fondamentale prendere in considerazione ogni aspetto della patologia di un paziente, e spiegare loro perché soffrono e come la GDT li aiuterà a stare meglio.
La ricerca del loro background medico, la valutazione della cronicità del dolore e l'esecuzione dei punteggi VAS renderanno il percorso di guarigione molto più chiaro e il paziente si sentirà più coinvolto nella sua riabilitazione. 

In questo caso studio di Peter Stiller il paziente è una donna di 54 anni con una forma cronica (più di 3 mesi di dolore) di artrite poliarticolare su entrambe le mani.

La diagnosi è stata stabilita e confermata in tempi relativamente brevi, sulla base degli antecedenti della paziente di avere sia la madre che la nonna che soffrono di questa condizione.

Per la paziente del dottor Stiller, questa patologia è particolarmente invalidante in quanto le impedisce di svolgere il suo lavoro di segretaria.

Al suo primo appuntamento, ha mostrato i principali sintomi caratteristici della malattia, come il dolore e il gonfiore delle articolazioni delle dita. Il dolore è acuto durante le strette di mano (VAS 9-10) e i movimenti (VAS 6-8), e l'estensione delle dita è semplicemente impossibile.

Vari trattamenti erano già stati provati in precedenza: "[...] FANS, gocce di novaminsulfone, paracetamolo, vitamina D, bagni caldi e freddi alle mani, test di spremitura e riposo" ma "[...] non è mai stata senza dolore e le dita erano sempre gonfie".

Vista l'inefficacia di questi trattamenti, il dottor Stiller decise di provare il trattamento DolorClast Radial Shock Waves come alternativa perché "[sapeva] di molti casi di pazienti con artrite poliarticolare in cui le onde d'urto avevano alleviato rapidamente il dolore anche quando la poliartrite era stata difficile da trattare". Purtroppo, per questa paziente di Peter Stiller, il disagio causato dal solo trattamento con onde d'urto era tale da non poter fornire la quantità di energia necessaria per un trattamento ottimale.

Tuttavia, alcuni mesi dopo, Peter Stiller ha avuto l'opportunità di testare il nuovo DolorClast® High Power Laser in combinazione con il DolorClast® Radial Shock Waves e ha notato che è proprio questa combinazione a fare la differenza.

Immagine
Stiller2_saezINT20-1024x477.jpg

DolorClast® High Power Laser & DolorClast® Radial Shock Waves
Ridurre il dolore per fornire la più alta dose di energia 

Come accennato in precedenza, prima di trattare il suo paziente con l'approccio combinato della GDT, il dottor Peter Stiller aveva cercato di usare le onde d'urto da sole per curare l'artrite poliarticolare della sua paziente.

Ha iniziato il trattamento con onde d'urto radiali con 5000 impulsi a 0,3 bar su ogni mano, utilizzando una frequenza costante di 20 Hz. Il trattamento è stato effettuato settimanalmente e alla 3a seduta la paziente ha potuto constatare un miglioramento del gonfiore e del dolore.

Tuttavia, a causa del disagio provato dalla paziente, non è stato possibile aumentare la pressione a più di 1,6 bar per la mano meno colpita e a 1,2 bar per la mano più colpita.

Affinché un trattamento con onde d'urto sia ottimale, è fondamentale fornire la massima densità di energia al tessuto danneggiato. In questo caso, la pressione di lavoro era troppo bassa per ottenere risultati conclusivi, e il dolore e il gonfiore sono tornati solo tre settimane dopo la fine del trattamento.

È qui che entra in gioco il DolorClast® High Power Laser. Non volendo rimanere su questo "fallimento", quando Peter Stiller riceve il nuovo laser ad alta potenza DolorClast® High Power Laser, decide di provarlo su questa paziente. Egli utilizza il protocollo GDT personalizzato di 3 minuti con la modalità a mani libere sulle aree più colpite dalla patologia.

Il risultato? Il dott. Stiller è stato in grado, solo 5 minuti dopo il trattamento, di applicare onde d'urto radiali ad una potenza di 2 bar senza che il paziente provasse alcun disagio. Il trattamento laser ad alta potenza gli ha permesso di somministrare al paziente una dose molto più elevata di onde d'urto, favorendo una migliore guarigione.

"L'effetto [...] è stato immediatamente percepito come maggiore a seconda del paziente e il sollievo dal dolore indotto dalle onde d'urto radiali è stato addirittura nettamente migliore di prima".

Alla seduta di trattamento successiva, 5 settimane dopo la precedente, Peter Stiller cerca di utilizzare la combinazione di trattamento ottimale raccomandata dalla Guided DolorClast® Therapy, lasciando una pausa di un'ora tra il laser e le onde d'urto, che "ha migliorato ulteriormente gli effetti" e gli ha permesso di utilizzare le onde d'urto radiali DolorClast® fino a 2,5 bar, ottenendo un risultato eccezionale:

Il follow-up questa volta dopo 8 settimane [...] è stato motivo di festeggiare, poiché il paziente anche dopo questo periodo di tempo era ancora senza dolore e le mani non erano più gonfie ed erano facilmente movibili.

 

Perché funziona?

DolorClast® High Power Laser

Nella progettazione del DolorClast® High Power Laser, la lunghezza d'onda di 905 nm è stata scelta in modo particolare perché inibisce i nocicettori1.
I nocicettori sono neuroni sensoriali situati all'estremità nervosa, che rispondono a stimoli potenzialmente dannosi inviando segnali di dolore al midollo spinale e al cervello. Se vengono inibiti, non invieranno alcun segnale e il paziente non sentirà più dolore.

Questo potente effetto analgesico è già evidente 5 minuti dopo la fine del trattamento e dura fino a 72 ore dopo il trattamento.

1MEZAWA, S. et. Al, Archives of oral biology, 1988, vol. 33,9.

DolorClast® Radial Shock Waves

La terapia ad onde d'urto permette l'espressione di fattori di crescita (PCNA, eNOS VEGF)1, permettendo la formazione di nuovi vasi sanguigni (angiogenesi) nei tessuti con apporto di sangue. Questo aumento della circolazione sanguigna favorisce una più rapida guarigione dei tessuti trattati1.
Inoltre, la terapia ad onde d'urto attiva le cellule staminali mesenchimali2, che aumentano la formazione di nuove cellule per la rigenerazione dei tessuti lesionati.

1HOFMAN et al., J Trauma / CONTALDO ET AL., Microvasc Res 2012, 84:24:-33 / KIRSCH ET AL., J Surg Res 2016; 201:440-445
2WANG CJ, ISMST Newsletter 2006, Vol 1, Issue 1
 

Miglioramento dei risultati clinici

L'uso combinato della terapia laser e della terapia con onde d'urto ha permesso a questa paziente di riacquistare la libertà di movimento che la sua patologia le aveva tolto. Non ha dovuto ricorrere a metodi alternativi più invasivi con effetti collaterali importanti come il cortisone topico o orale, alte dosi di farmaci non infiammatori e il trattamento con metotrexate.

Con la Guided DolorClast® Therapy, trattate i vostri pazienti in modo rapido, efficiente e sicuro!

Related products