Back to top
assess&engage

01: Valutare e coinvolgere

Quando il dolore impedisce la guarigione

Le lesioni muscoloscheletriche sono solitamente descritte dai pazienti come altamente dolorose. In quanto fattore di stress fisico e psicologico, il dolore può mettere i pazienti ad un rischio maggiore di guarigione ritardata. Il trattamento del dolore è certo una mossa fondamentale, ma tenere conto del feedback dei pazienti e guidarli passo dopo passo verso la guarigione è cruciale per il successo della terapia. Questo è il motivo per cui i professionisti devono adottare un approccio alla cura del dolore incentrato sul paziente.

Guided DolorClast® Therapy

gdt logo

Come coinvolgere al meglio i vostri pazienti durante un appuntamento?

Riconoscete i vostri pazienti come attori della loro guarigione

  • Prendetevi il tempo di spiegargli la loro patologia
  • Usando parole semplici, spiegate come funzionano le tecnologie GDT e come li aiuteranno a superare il loro dolore
Immagine
assess&engage

Stabilite delle aspettative: hanno un ruolo importante nei risultati!

  • Discutete apertamente e stabilite le aspettative del paziente; che si tratti di tempo di trattamento, di rilascio del dolore, di aumento del raggio di movimento, di cambiamento della qualità della vita, ecc.
Immagine
white

Mai dare per scontato che i pazienti sappiano cosa aspettarsi!

  • Fategli conoscere il corso del loro protocollo GDT in dettaglio: dite loro la frequenza della sessione e la sequenza del trattamento.
    Questo li aiuterà a ridurre la loro possibile ansia e a garantire la loro conformità al trattamento. 

Determinare la cronicità del dolore del vostro paziente

La valutazione della cronicità del dolore del paziente può aiutarvi a trovare il protocollo di trattamento più appropriato ed è altamente raccomandata dalla Guided DolorClast® Therapy. 

Ecco come potete determinare la cronicità del vostro paziente. 

Immagine
white 2
Immagine
pain level graph

Il vostro paziente prova dolore da meno di un mese?

In questo caso, è nella fase acuta della patologia. GDT consiglia di utilizzare il laser ad alta potenza DolorClast® High Power Laser da solo.

Il vostro paziente prova dolore da 1 a 3 mesi?

In questo caso, si trova nella fase subacuta della patologia. EMS raccomanda una combinazione di terapia laser e terapia ad onde d'urto.

Il vostro paziente prova dolore da più di 3 mesi?

In questo caso, si trova nella fase cronica della patologia e le sue condizioni non possono che peggiorare con il passare dei mesi. EMS raccomanda una combinazione del laser ad alta potenza DolorClast® High Power Laser e delle onde d'urto radiali DolorClast® Radial Shock Waves, insieme ad esercizi di riabilitazione per ottenere risultati a lungo termine.

Albero di decisione del trattamento

EMS ha progettato un albero di decisione del trattamento che vi aiuterà a decidere il protocollo più adatto alla patologia del vostro paziente, garantendo non solo i risultati più ottimali, ma anche una profonda comprensione del protocollo di trattamento che i vostri pazienti riceveranno.

Controllo delle controindicazioni

Prima di trattare il vostro paziente, assicuratevi sempre di chiedere se non ha nessuno dei fattori controindicati.

DolorClast® Laser

L'uso del DolorClast® High Power Laser è controindicato per il:

  • Trattamento di aree affette da neoplasia
  • Trattamento delle donne incinte
  • Trattamento sopra uno stimolatore elettrico impiantato (ad es. pacemaker). 

DolorClast® Shock Waves

L'uso del DolorClast® Radial Shock Waves e del PiezoClast® è controindicato per il:

  • Trattamento su tessuto riempito d'aria (polmone, intestino).
  • Trattamento dei tendini prerotturati.
  • Trattamento delle donne incinte.
  • Trattamento dei pazienti di età inferiore ai 18 anni (ad eccezione del trattamento della malattia di Osgood-Schlatter).
  • Trattamento di pazienti con disturbi della coagulazione del sangue (compresa la trombosi locale).
  • Trattamento dei pazienti trattati con anticoagulanti orali.
  • Trattamento di tessuti con tumori locali o infezioni locali batteriche e/o virali.
  • Trattamento dei pazienti trattati con cortisone (entro le 6 settimane successive all'ultima iniezione locale di cortisone).

Guided DolorClast® Therapy

gdt logo